WHO

EN / IT

Biblioteca Condivisa 2017

resina_collective_who_cares_shared_library01
resina_collective_who_cares_shared_library02
previous arrow
next arrow

Per guidare ed arricchire il progetto Ferrara Residency con altr* ed ulterior* riflessioni ed input, abbiamo deciso di creare una biblioteca collettiva e condivisa. Ogni partecipante ha portato uno o più libri da mettere a disposizione per il gruppo; i testi sono stati selezionati perché legati alle tematiche focus della residenza o perché di particolare importanza personale, e sono presto diventati il substrato per un ricco ed equo scambio di idee e materiali, metafore, letterature, linguaggi e immagini che hanno accompagnato sia le ricerche individuali dei partecipanti che i gruppi di lettura. Importante è la caratteristica temporanea della biblioteca condivisa, in quanto è esistita in forma fisica solo durante il mese di Settembre 2017.  Dopo il progetto la biblioteca si e dissolta, lasciando come unica traccia la lista di libri e testi fruibile qui. Ogni testo e arrivato a far parte della biblioteca come dono o prestito: un segno di supporto al progetto, un modo per condividere idee e interessi personali lontano da dinamiche di profitto o ritorno, ma anche e soprattutto, un gesto cura. I libri parte della collezione temporanea della biblioteca toccavano una vasta gamma di temi e contenuti; da materiale storico su lotte politiche femministe, a scritti contemporanei di filosofia su pubblico e privato, precarietà, resistenza, amore, riproduzione sociale e così via. Alcuni dei libri sono stati generosamente prestati a Ferrara Residency da ospiti e relatori invitati a parlare con gli artisti in residenza, tra i quali, per esempio, l’artista Isabella Bordoni e le attiviste Gretel Carli e Carolina Peverati, che ci hanno prestato testi originali degli anni ‘70 sulle lotte femministe in Italia. 

L’intera biblioteca è stata esposta e fruibile al pubblico presso la Galleria del Carbone dal 27 settembre al 4 ottobre 2017.

Titoli

01:Axel Wieder & Florian Zeyfang, Open form: space, interaction and the tradition of Oskar Hansen, Berlin: Sternberg Press, 2014.
02:Binna Choi & Maiko Tanaka, Grand domestic revolution: handbook, Amsterdam: Casco – Office for Art, Design and Theory; Amsterdam: Valiz, 2014.
03:Bojana Cvejić and Ana Vujanović, Public sphere by performance,  Berlin: b_books, 2015.
04:Boris Groys, Art Power, Cambridge; MA: The MIT Press, 2008.
05:Brian Massumi, A user’s guide to Capitalism and Schizophrenia. Deviations from Deleuze and Guattari, Cambridge; MA: The MIT Press, 1996.
06:Claire Fontaine, Human strike has already begun & other writings, London:  Mute, 2013.
07:David Graeber, Debt: the first 5.000 years, Brooklyn; NY: Melville House, 2012.
08:Franco ‘Bifo’ Berardi, The Soul at Work: From Alienation to Autonomy, Cambridge; MA: Semiotext(e), 2009. 
09:Gerald Raunig, Gene Ray and Ulf Wuggening (eds), Critique of Creativity: Precarity, Subjectivity and Resistance in the ‘Creative Industries’, London: MayFlyBooks, 2011.
10:George Kuchar, Reflections from a Cinematic Cesspool, Berkeley; CA: Zanja Press, 1997.
11:Giovanna Franca Dalla Costa, Un lavoro d’amore: la violenza fisica componente essenziale del “trattamento” maschile nei confronti delle donne, Roma: Edizioni delle donne, 1978.
12:Isabella Bordoni, Theoria degli affetti|un paese, Wunderkammer, 2014.
13:Jill Stoner, Toward a minor architecture, Cambridge; MA: The MIT Press, 2012.
14:Julieta Aranda, Brian Kuan Wood and Anton Vidokle (eds), The Internet does not exist, Berlin: Sternberg Press, 2015.
15:Kathi Weeks, The problem with work: Feminism, Marxism, antiwork politics and postwork imaginaries, North Carolina: Duke University Press, 2011.
16:Maaike Lauwaert & Francien van Westrenen (eds.), Facing value: radical perspectives from the arts, Amsterdam: Valiz; Den Haag: Stroom, 2017.
17:Mariarosa Dalla Costa, Potere femminile e sovversione sociale, Venezia: Marsilio, 1977.
18:NA, don’t agonize, organize: donne e piani di morte del capitale americano, Ferrara: Self-published, 1982.
19:Nuccio Ordine, L’utilità dell’inutile, Bompiani, 2013.
20:Quinn Latimer and Adam Szymczyk (eds), The documenta 14 reader, Munich: Prestel Verlag, 2017.
21:Sabeth Buchmann, Ilse Lafer and Constanze Ruhm (eds.), Putting rehearsals to the test: practices of rehearsal in fine arts, film, theater, theory and politics, Berlin: Sternberg Press, 2016.
22:Silvia Federici, Caliban and the witch: women, the body and primitive accumulation, Brooklyn; NY: Autonomedia, 2014.
23:Silvia Federici, Revolution at point zero: housework, reproduction and feminist struggle, Oakland; CA: PM Press, 2012.
24:Silvia Federici e Nicole Cox, Contropiano dalle cucine, Venezia: Marsilio, 1978.
25:Siona Wilson, Art Labor, Sex Politics. Feminist Effects in 1970s British Art and Performance, Minneapolis: University of Minnesota Press, 2015. 
26:Zygmunt Bauman, La società individualizzata,  Bologna: Il Mulino, 2002.
27:Zygmunt Bauman, Lavoro, consumismo e nuove povertà, Troina: Città Aperta, 2007.